Home
scrittori
arte
notizie
links
contatti
banner
Bassano vuol dire

 

         

    Gino Pistorello, Bassan, it de vento

 

Pistorello il poeta di Bassano per antonomasia. Il suo dialetto schietto, un po' naf, inconfondibilmente legato alle vie, alle piazze, al ponte vecchio, al Brenta, alle osterie, alla gente. La sua immagine bohemien - barba lunga, cappello alpino - tutt'uno con la citt della quale ha espresso, pi di ogni altro, la luce familiare, il vento capriccioso e salubre,  l'aroma inebriante di grappa e incenso, l'ironia dolce delle persone e delle cose.

  

Do anzoli de aria

co’ le trombe de arzento

sonava strane storie in paradiso

supiando pian e forte

forte e pian:

cuss xe nato

el vento.

 

Ne la gran boca verde de montagna,

che basa el me Bassan,

adesso el sta de casa.

 

‘Na sberla, sberla bona,

supio san

che spaura i caivi,

che lustra le contrade,

che sburna su le costole del monte

scavejando ‘i olivi,

e slonga el sbatociar de le campane.

 

Ne le notte d’inverno, nel camin,

le cicole del vento

pare storie lontane.

El siga, el sona, el pianze, el supia, el parla;

la foja zala el ninola sospesa,

el suga ’e strasse de la pora zente;

forsi l’ ’l fi de Dio

che disegna co’ ‘e nuvole le fiabe:

un nisslo de gnente

dove se cuna dentro le sise.

 

 

(Gino Pistorello Poesia, Bassano del Grappa, Editrice artistica Bassano, 1997, p. 111)

 

     Torna su

    Vai a Scrittori

 

Home | scrittori | arte | notizie | links | contatti | banner | Bassano vuol dire

Ultimo aggiornamento:  02-10-10