Home
scrittori
arte
notizie
links
contatti
banner
Bassano vuol dire

 

Camillo Sbarbaro, Poesie   


Il poeta ligure Camillo Sbarbaro, tenente di complemento nella Grande Guerra, fu dislocato in varie zone dell'alto vicentino nel 1917-18. Ne L'opera in versi e in prosa troviamo numerose testimonianze della presenza di Sbarbaro sull'Altipiano di Asiago, sul Monte Grappa e in vari luoghi della pedemontana veneta (tra i quali Bassano, Semonzetto, Mussolente e Romano d'Ezzelino). Egli non Ŕ un poeta-soldato, non vuole cantare la guerra (nel bene o nel male) ma esorcizzarla, eclissandola nella bellezza della natura e nella poesia.  Come un fotografo che ritaglia minuziosamente il soggetto nell'inquadratura, escludendo tutto il resto, Sbarbaro riesce a cogliere la dolcezza e la bellezza del paesaggio veneto, tagliando fuori quasi del tutto la guerra con le sue atrocitÓ. Come testimonia una lettera dal fronte, il 31 agosto 1918 si trova a Romano alto: "San Romano alto (sic!). Ho la tenda su una collinetta tra altre collinette brillanti al sole. E, inverosimile! per oggi almeno, riposo che Ŕ veramente riposo; la scorsa notte non si Ŕ dormito; informato del nostro nuovo recapito (da disertori, pare) l'inimico ci ha festeggiato dalla sera all'alba con tiri di molestia. Ŕ l'ultimo di agosto; spero nei primi freschi di settembre". Una poesia conserva la suggestione e il ricordo di quei giorni e di quel luogo.

 

 

Stracci di nebbia lenti

e ceneri d’ulivi.

Quasi a credere stenti

che vivi.

 

╚ la pioggia una ninna-

nanna di triste fanciulla:

al corpo che giace

la terra, una culla.

 

Romano di Ezzelino, 1918

 

 

Camillo Sbarbaro, Poesie, Appendice, in L’opera in versi e in prosa, Milano, Garzanti, 1999, p. 123)

     Torna su

    Vai a Scrittori

Home | scrittori | arte | notizie | links | contatti | banner | Bassano vuol dire

Ultimo aggiornamento:  02-10-10